Crediti di carbonio certificati

le Nuove Normative Ambientali dell'UE

Il Funzionamento dei Crediti di Carbonio

I crediti di carbonio equivalgono a tonnellate di CO2 risparmiate grazie a progetti ambientali. Possono essere scambiati sul mercato per compensare le emissioni altrove.
L’UE ha introdotto una tassa sul carbonio per le merci importate per contrastare la delocalizzazione delle emissioni. La CSRD richiede alle imprese di rendicontare l’impatto ambientale in modo trasparente, equiparando la dichiarazione sulla sostenibilità a quella finanziaria.
Come funzionano i Crediti di Carbonio?

I crediti di carbonio sono dei certificati di valore che equivalgono a una tonnellata di anidride carbonica (CO2) risparmiata o rimossa grazie a progetti di tutela ambientale.

Questi certificati vengono creati attraverso l’attuazione di progetti ambientali approvati da enti di terza parte. Una volta generati, i crediti di carbonio possono essere scambiati sul mercato e successivamente annullati su un registro pubblico, rappresentando una forma di compensazione per le emissioni di CO2 prodotte altrove.

Le Norme e il Mercato

Tassa Sul Carbonio Per Merci Che Entrano Nell'UE
Tassa sul Carbonio per merci che entrano nell'UE

Tassa sul carbonio per merci che entrano nell’UE.
L’Unione Europea ha recentemente raggiunto un accordo a Bruxelles sulla tassa sul carbonio alla frontiera, che si applicherà alle merci importate nell’UE e prodotte in vari settori.
L’UE ha adottato un ambizioso piano di dazi doganali sulle importazioni per fermare la delocalizzazione di CO2 ovvero la delocalizzazione delle imprese per eludere le norme sulle emissioni.
La delocalizzazione della CO2 è la pratica adottata dalle industrie con elevati livelli di emissioni di gas serra di trasferire la produzione al di fuori dell’UE al fine di evitare la più severa normativa europea sul clima.

Direttiva Comunitaria Pubblicata Il 14 Dicembre 2022
Direttiva comunitaria pubblicata il 14 dicembre 2022

La direttiva comunitaria pubblicata il 14 dicembre 2022 impone obblighi di trasparenza alle imprese riguardo alla rendicontazione della sostenibilità.
Questa direttiva, denominata Corporate Sustainability Reporting Directive (CSRD), richiede alle aziende di grandi dimensioni e alle PMI di includere, nella relazione sulla gestione, le informazioni riguardanti l’impatto dell’impresa sull’ecosistema.

La dichiarazione sulla sostenibilità sarà equiparata a quella finanziaria, consentendo agli investitori di disporre di dati comparabili.

di VINCENZO FUSCO

IL BUSINESS DEI CREDITI DI CARBONIO

Una lettura per chiunque si voglia avvicinare a questo nuovo business. Troverai gli strumenti per comprendere tutto sui Crediti di Carbonio!
SCOPRI come avere un ritorno etico e economico

Compila il form per ricevere il libro!